Acqua ed emozioni: gli effetti dell'acqua

Acqua e le nostre emozioni

Michaela Guzy

Alcune persone amano l'oceano. Alcuni lo temono. Lo amo, lo odio, lo temo, lo rispetto, lo offendo, lo adoro, lo detesto e spesso lo maledico. Porta fuori il meglio di me e, a volte, il peggio.

– ROZ SAVAGE

Al di là del nostro legame evolutivo con l'acqua, gli umani hanno un profondo emotivo legami ad essere in sua presenza. L'acqua ci delizia e ci ispira (Pablo Neruda: "Ho bisogno del mare perché mi insegna"). Ci consola e ci intimidisce (Vincent van Gogh: "I pescatori sanno che il mare è pericoloso e la tempesta terribile, ma non hanno mai trovato questi pericoli motivi sufficienti per rimanere a terra"). Crea sentimenti di stupore, pace e gioia (The Beach Boys: "Prendi un'onda e sei seduto in cima al mondo").

Ma in quasi tutti i casi, quando gli umani pensano all'acqua – o sentono l'acqua, o vedono l'acqua, o entrano nell'acqua, persino assaggiano e annusano l'acqua – si sentono qualcosa. Queste "risposte istintive ed emotive … si verificano separatamente dalle risposte razionali e cognitive", scrisse Steven C. Bourassa, un professore di urbanistica, in un seminale del 1990 in Ambiente e comportamento. Queste risposte emotive al nostro ambiente derivano dalle parti più antiche del nostro cervello, e in effetti possono verificarsi prima che sorga qualsiasi risposta cognitiva.

Per capire la nostra relazione con l'ambiente, dobbiamo comprendere sia i nostri cognitivi e interazioni emotive con esso.

Questo ha senso per me, dato che sono sempre stato attratto dalle storie e scienza del perché amiamo l'acqua. Tuttavia, come studente di dottorato che studia biologia evolutiva, ecologia della fauna selvatica ed economia ambientale, quando ho provato a tessere emozioni nella mia dissertazione sul rapporto tra ecologia delle tartarughe marine e comunità costiere, ho imparato che il mondo accademico aveva poco spazio per sentimenti di qualsiasi tipo. "Tieni fuori quella roba sfuocata dalla tua scienza, giovanotto," consigliavano i miei consiglieri. L'emozione non era razionale.

Non era quantificabile. Non era scienza.

Parliamo di un "cambiamento del mare": oggi i neuroscienziati cognitivi hanno iniziato a capire come le nostre emozioni guidano virtualmente ogni decisione che prendiamo, dalla scelta del cereale mattutino, a chi ci sediamo accanto a una cena, a come vista, odore e suono influenzare il nostro umore Oggi siamo in prima linea in un'ondata di neuroscienze che cerca di scoprire le basi biologiche di tutto, dalle nostre scelte politiche alle nostre preferenze cromatiche. Stanno usando strumenti come EEG, MRI e fMRI per osservare il cervello sulla musica, il cervello e l'arte, la chimica del pregiudizio, l'amore e la meditazione, e altro ancora.

Ogni giorno questi scienziati all'avanguardia stanno scoprendo perché gli esseri umani interagiscono con il mondo nel modo in cui lo facciamo. E alcuni di loro stanno ora iniziando a esaminare i processi cerebrali che sono alla base della nostra connessione con l'acqua. Questa ricerca non è solo per soddisfare qualche curiosità intellettuale. Lo studio del nostro amore per l'acqua ha applicazioni significative nel mondo reale: salute, viaggi, proprietà immobiliari, creatività, sviluppo infantile, pianificazione urbana, trattamento della dipendenza e del trauma, conservazione, economia, politica, religione, architettura e altro .

Soprattutto, può portare ad una comprensione più profonda di chi siamo e di come la nostra mente e le nostre emozioni siano modellate dalla nostra interazione con la sostanza più diffusa sul nostro pianeta.

Il viaggio alla ricerca di persone e scienziati che erano desiderosi di esplorare queste domande mi ha portato dall'habitat delle tartarughe marine sulle coste della Bassa California, alle sale delle scuole mediche di Stanford, Harvard e all'Università di Exeter nel Regno Unito, per il surf e la pesca e campi di kayak correre per i veterani afflitti da PTSD in Texas e in California, a laghi e fiumi e persino piscine in tutto il mondo. E ovunque andassi, anche sugli aerei che collegavano questi luoghi, le persone condividevano le loro storie sull'acqua.

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: